La Menopausa e le Vampate di Calore

Con la menopausa, la riduzione di ovuli, o la loro assenza, avviene una diminuzione dei due importanti ormoni: estrogeni e progesterone. A questo segue poi un aumento di altri due ormoni: FSH e LH.  Ormai sembra assodato che le vampate di calore coincidano con secrezioni pulsanti di ormone LH (ormone luteinizzante). Per questo motivo la ricerca scientifica, negli ultimi anni, si è focalizzata nel cercare sostanze, o piante, che riescano a ridurre la produzione di questo ormone.

Fra la miriade di piante conosciute c’è la cimicifuga racemosa. Questa pianta è in grado di lasciare intatti i livelli di prolattina e FSH (a differenza dell’azione degli estrogeni di sintesi), dando dei benefici apprezzabili per i disturbi legati al climaterio, come la riduzione del numero di vampate durante il giorno. Questi dati sono confermati da uno studio* importante condotto nell’università di Pavia, dal quale emerge che estratti di cimicifuga possono essere una valida alternativa alla terapia estrogenica in quelle donne che non possono seguire le strategia convenzionali.

* Phytoestrogens: endocrine disrupters or replacement for hormone replacement therapy? Wuttke W, Jarry H, Becker T, Schultens A, Christoffel V, Gorkow C, Seidlová-Wuttke D. Maturitas. 2008 Sep-Oct;61(1-2):159-70.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *