Prodotto tonico energetico adatto durante i periodi di maggior “stress” per l’organismo per contrastare stanchezza, spossatezza, calo di concentrazione/attenzione o qualsiasi altro segnale di “esaurimento” che l’organismo ci manda.

I componenti di questo sciroppo energetico si possono dunque definire ADATTOGENI: cioè Sostanze IN GRADO DI AUMENTARE IN MODO aspecifico LA RESISTENZA DELL’ORGANISMO a fattori di stress DI VARIA NATURA SIA FISICA CHE PSICHICA.

Le piante adattogene sono dunque specifiche per combattere, anche a scopo preventivo, gli effetti negativi dello stress.

Vivere sempre di fretta, dormire poco e cause emozionali danno luogo genericamente a squilibri come ansia, insonnia, irritabilità, difficoltà di concentrazione, squilibri alimentari, stanchezza e depressione. Il nostro organismo si difende producendo modificazioni biologiche, ormonali, neurovegetative e immunitarie, allo scopo di migliorare la capacità di resistenza e difesa, sotto l’aspetto sia comportamentale che biologico.

La risposta di adattamento è massima nei giovani di età compresa tra i 20-30 anni, mentre si dimezza dopo i 70 anni.

Se la reazione del nostro organismo risulta troppo intensa o troppo prolungata, i fisiologici meccanismi di equilibrio possono rivelarsi insufficienti e causare scompensi di varia natura. Ne deriva un costante senso di affaticamento, apatia, scarsa vitalità; difficoltà di memoria, scarso rendimento nello studio e nel lavoro intellettuale, difficoltà a mantenere la concentrazione; tensione costante che impedisce un sonno ristoratore e riduce la capacità di recupero.

A fronte di una situazione di esaurimento gli adattogeni vegetali sono quanto mai utili.

Rhodiola rosea e i suoi effetti neuropsicotropi – Juřica J, Koupa T. – Ceska Slov Farm. 2016 estate; 65 (3): 87-93
Phyto-adattogeni – protezione contro lo stress – Levin O. – Harefuah. 2015 Mar; 154 (3): 183-6, 211
Attività adattogena di un fitoterapico complesso basato su una materia prima rinnovabile – Anshakova VV, Stepanova AV, Uvarov DM, Smagulova ASh, Naumova KN, Vasiliev PP – Wiad Lek. 2016; 69 (1 Pt 2): 55-60.

  • Share: